Meteo

Un giorno dei primi d’Agosto un minaccioso temporale si sviluppò dalle parti del Lago di Garda; in breve raggiunse le nostre montagne e si scaricò con grandine grossa come uova di quaglia e tuoni e saette che facevano rimbombare le valli

M. Rigoni Stern


Costituendo l’Altopiano dei Sette Comuni, ove si trova Tortima, una delle prime propaggini che si incontrano dopo la pianura, l’aria umida proveniente dal mare, che si sposta secondo il gradiente barico orizzontale, è costretta a salire in altezza per superare l’ostacolo costituito appunto dall’Altopiano. Analogamente, anche le correnti relativamente secche, durante la lenta risalita lungo i versanti, possono raggiungere il punto di saturazione, condensandosi in pioggia. È facile perciò avere sull’Altopiano di Asiago precipitazioni di tipo orografico oltre che quelle convettive e di convergenza.
Mediamente cadono sul territorio altopianese 1508 mm di acqua e/o neve l’anno (il valore più basso si è registrato nel 1983 con 1060 mm di pioggia caduta; quello massimo nel 1979 con ben 2084 mm di precipitazioni documentate). Di norma vi sono 131 giorni l’anno cui si registrano precipitazioni.
Dato che però il solo parametro relativo alle precipitazioni annue costituisce di per sé un valore di limitato significato ecologico (al massimo potrebbe essere utile quale fattore limitante, come ad esempio nel condizionare l’esistenza del bosco – minimo 600 mm all’anno -), è opportuno allora aggiungere informazioni sul regime pluviometrico, ovvero sulla distribuzione stagionale delle piogge: il regime udometrico della zona è ascrivibile quindi al tipo subequinoziale autunnale, con un secondo massimo primaverile ed un minimo nel periodo invernale.
Per quanto riguarda l’andamento termometrico invece, come valori caratteristici si può prendere in riferimento la media dei minimi (2,5° C) e quella dei massimi (12,6° C), (dati registrati nel periodo 1957-2001); la temperatura media annua è di 7,5° C.
Le temperature medie mensili denotano, in sintonia anche con l’andamento termometrico annuale, una marcata escursione termica, tipica dei grandi altipiani interessati da forme di carsismo: questi fenomeni di inversione termica sono infatti dovuti al fatto che di giorno le rocce aride e porose sotto l’influenza del sole si riscaldano molto, mentre di notte esse si raffreddano altrettanto velocemente (questo aspetto si verifica sulla parte sommitale dell’Altopiano, Tortima esclusa quindi).
Altre informazioni utili a descrivere le caratteristiche meteorologiche dell’Altopiano, sono le seguenti: la media nei periodi invernali dell’altezza della neve risulta essere di m 1,21 (minimo mm 312, massimo mm 2887); i temporali sono generalmente 15 l’anno; si hanno nel comprensorio di massima 45 giorni perfettamente sereni, 95 totalmente coperti, gli altri variabili o semicoperti; l’umidità relativa media annua è del 74% infine, la media annua di giorni di vento forte (soprattutto provenienti da NE e SW) varia dai 6 ai 7.

Di seguito alcuni siti utili per le previsioni meteo per l’Altopiano con un collegamento ad alcune immagini tratte da webcam presenti sul comprensorio e le previsioni a 7 giorni per la zona:

RADAR

Radar delle precipitazioni in tempo reale: le eventuali precipitazioni (piovose e/o nevose) vengono rilevate mediante una scala in falsi colori che va dal verde (precipitazione debole) fino al rosso e viola (precipitazione di forte intensità).


Radar meteo Trentino


Radar meteo Teolo


METEOGRAMMA

Meteogramma con precipitazioni e termiche: a metà grafico vengono rappresentate le temperature (in rosso marcato la media del periodo degli ultimi 30 anni, negli altri colori la temperatura prevista secondo calcoli aggiornati continuamente: il calcolo più recente – quindi il più attendibile – è quello rappresentato dalla linea di colore blu, la linea bianca invece rappresenta una media dei vari calcoli).

In fondo sono rappresentate invece le precipitazioni (i picchi indicano la probabilità di pioggia/neve: più elevato è il picco, più sono attesi fenomeni precipitativi, in assenza di picchi non sono previste precipitazioni dai modelli).

Il grafico è riferito a 850 hPa (ca. 1400m di quota). Sull’asse delle ascisse abbiamo le date (prossimi 16 giorni), sull’asse delle ordinate a sinistra i valori di temperatura (quindi relativi alle linee di metà grafico) in °C, a destra di precipitazione (relativi quindi ai picchi di precipitazione, in fondo al grafico) in mm.


Meteogramma Verona